Informazione: Denti e cuore. consigli

Studio svedese spiega in che modo la parodontite è un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. La colpa è di un batterio.

Le malattie parodontali (MP) parodontiti e gengiviti sono patologie infettivo-infiammatorie delle stutture che sostengono il dente, come la gengiva, il legamento parodontale, l’osso alveolare e il cemento radicolare. La bocca può essere porta d’accesso e sede di vari agenti patogeni. E il legame non è affatto nuovo. Infatti, precedenti ricerche avevano mostrato come una maggiore perdita di osso alveolare aumenta il rischio di infarto e ictus anche di 6,6 volte.

Ma che il legame tra denti e cuore fosse più diretto era un’ipotesi già presa in considerazione dagli scienziati. Infatti, il batterio molto infettivo principale causa della parodontite Porphyromonas gingivalis è stato trovato anche nelle placche di pazienti coronarici colpiti da attacco cardiaco. E in alcuni modelli animali, P. gingivalis causa e accelera la formazione di aterosclerosi coronarica e aortica. Il meccanismo alla base di questa associazione non era però del tutto chiaro. I ricercatori, guidati da Torbjörn Bengtsson del Dipartimento di Medicina Clinica dell’Università di Örebro in Svezia, hanno iniettato il batterio p.Gengivalis in cellule muscolari lisce aortiche coltivate e hanno osservato un aumento dell’espressione della angiopoietina-2, un fattore di crescita vascolare, che ad alti livelli promuove l’infiammazione.

«Le cellule muscolari lisce dell’aorta producono bassi livelli di angiopoietina 2, ma la stimolazione con P. gingivalis ne aumenta notevolmente l’espressione genica in queste cellule» hanno spiegato gli autori. Questo si traduce in un aumento netto dei livelli di infiammazione. Una delle ipotesi avanzate per spiegare l’associazione tra parodontite e malattie cardiovascolari riguarda, infatti, il ruolo negativo esercitato dall’infiammazione sistemica sul processo di aterosclerosi e molti processi fisiologici.

«L’angiopoietina 2 aumenta direttamente la migrazione e la proliferazione delle cellule muscolari lisce dell’aorta, fenomeno coinvolto nella patogenesi dell’aterosclerosi» hanno spiegato gli autori dello studio.

Gli studi sul legame tra patologie infiammatorie del cavo orale e malattie cardiovascolari continuano, con l’obiettivo di identificare dei marcatori biologici per la diagnosi e il trattamento di entrambe le patologie.

  • Non sottovalutare il sanguinamento delle gengive causato da un’ infiammazione batterica. Può essere il preludio di una gengivite che, se non curata, potrebbe evolvere nella più seria malattia parodontale (parodontite o anche detta piorrea).
  • Prestare attenzione al dolore generalizzato ai denti, originato spesso da infezioni radicolo-apicali (granulomi).
  • Effettuare visite periodiche dal dentista, perché le patologie dei denti, come abbiamo detto, potrebbero coinvolgere altri organi. La prevenzione rimane lo strumento più efficace per evitare in futuro di ricorrere alle cure mediche in distretti del corpo molto delicati.

Denti e cuore. Regole di prevenzione. Cosa possiamo fare?

  • Alimentazione: deve essere possibilmente corretta e calibrata secondo le necessità caloriche individuali (attenzione al sovraccarico calorico che spesso sfugge al nostro controllo).
  • Non fumare (il fumo non aiuta a fermare un’infezione ed è corresponsabile della formazione di placche ateromatose).
  • Ridurre il consumo di alcol.
  • Mangiare pochi dolci.
  • Eliminare le bevande zuccherate.
  • Assumere pochi grassi di origine animale (per tenere sotto controllo il colesterolo e i trigliceridi).
  • Pulizia professionale periodica dall’igienista dentale.
  • Impegnarsi nella quotidiana igiene orale domiciliare.

Una passeggiata a passo veloce per circa 40 minuti al giorno ed un’attività fisica costante possono essere veri e propri strumenti preventivi salvavita. Per tutti.

ATTENZIONE (DISCLAIMER):

Le informazioni contenute in questo sito sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l’utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l’utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante. Non si fornisce alcuna garanzia di veridicità o accuratezza delle informazioni contenute in questo sito web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *