Informazione: Infarto

Che cos’è un infarto?

Con il termine infarto si intende una patologia a carico del cuore: si tratta di una lesione, più o meno grave, di quest’organo dovuta a un’interruzione del flusso del sangue a livello locale. L’infarto miocardico si verifica nel momento in cui un’arteria coronarica si ostruisce a causa di una trombosi. L’immediata conseguenza è la necrosi dei tessuti a causa della mancata irrorazione da parte del sangue: il primo soccorso può fare la differenza. È indispensabile intervenire con tempestività e ripristinare il flusso sanguigno per scongiurare danni irreversibili o la morte. Nei Paesi Occidentali, infatti, l’infarto è una delle principali cause di morte.

Quali sono i sintomi di un infarto?

Per poter agire con tempestività è molto importante saper riconoscere già i primi sintomi dell’infarto. Alcuni studi recenti, condotti su pazienti colpiti da infarto, dimostrano che i sintomi pre-infarto si sono manifestati anche trenta giorni prima dell’evento vero e proprio. Anche se i pazienti riferiscono di non essersi accorti di nulla fino a quel momento, si rendono conto che si sono manifestati sintomi premonitori a cui, semplicemente, non hanno prestato sufficiente attenzione.

Tra questi si osservano:

  • senso di oppressione al petto
  • dolori al petto
  • angoscia e senso di catastrofe imminente
  • stati d’ansia e insonnia
  • dolore alla bocca dello stomaco
  • affaticamento da sforzo
  • nausea sia a stomaco pieno sia a stomaco vuoto

I sintomi dell’infarto in corso sono molto simili, ma hanno intensità e persistenza maggiore. In genere, si manifestano con:

  • forte dolore al petto, che può irradiarsi verso il braccio sinistro, verso il collo o la mandibola, verso entrambe le spalle e verso il torace. Si tratta di un dolore molto intenso e persistente con una durata di oltre 15 minuti,
  • difficoltà a respirare e senso di fiato corto,
  • forte nausea, vertigini, stordimento
  • aumento della sudorazione in assenza di fattori ambientali o personali (come disturbi della menopausa) che lo giustifichino.

I sintomi dell’infarto nelle donne possono presentarsi in modo leggermente diverso. Nelle donne, infatti, sono più accentuate la mancanza di respiro e la nausea, mentre il dolore si irradia più facilmente verso la schiena.

Le cause dell’infarto

E’ molto importante conoscere le cause dell’infarto.
Tra i fattori di rischio troviamo:

  • Scorretta alimentazione che può provocare colesterolo alto, diabete, ipertensione, obesità
  • Mancata o scarsa attività fisica,
  • Età e familiarità.

Intervenire tempestivamente è l’unica maniera possibile per evitare danni permanenti o la morte. Ecco perché riconoscere i sintomi dell’infarto diventa cruciale, così come fare visite specialistiche presso medici specializzati e cardiologi che possano anche indicare un buon percorso di prevenzione.

ATTENZIONE (DISCLAIMER):

Le informazioni contenute in questo sito sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l’utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l’utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante. Non si fornisce alcuna garanzia di veridicità o accuratezza delle informazioni contenute in questo sito web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *